Anagrafiche autori: Gualerzi Mirko   

[torna ai risultati]   
Gualerzi Mirko
Nascita: Cardano (Varese) 1936
   Note nascita:
Morte: Uscio 2004
   Note morte: 
Ligure: No
Attivo in liguria: Si
Categorie: Artisti
Qualifica: Disegnatore, Incisore, Pittore, Scultore

Biografia

 

Mirko Gualerzi nasce nel 1936 a Cardano al Campo, in provincia di Varese; orfano di padre, cresce con la madre, trasferitasi a Cardano dall’Emilia. Compiuti gli studi classici nel Liceo statale di Busto, frequenta i corsi di medicina e di chirurgia presso l'Università di Milano, interrompendoli dopo tre anni per interessarsi di grafica ed arte. Dopo Mario Sironi, subisce il fascino della personalità di Constant Permeke, dalla cui opera emana un’autentica dimensione epica, popolare e contadina; per studiare la sua pittura, nel 1959 si trasferisce in Belgio, dove rimane per circa due anni.Nella primavera del 1960 si trasferisce a Parigi, dove rimane per poco più di un mese; alla fine delo stesso anno rientra in Italia, a Nova Milanese: di giorno dipinge, di notte lavora al Palazzo dei Giornali in Piazza Cavour, a Milano.
Negli anni ’60 la sua pittura si concentra sul quotidiano, ma anche sulla situazione politica internazionale; inizia inoltre a dedicarsi, oltre alla pittura e alla grafica 
(ampliata soprattutto nei due decenni successivi), anche alla scultura. Nel 1963 Gualerzi tiene la sua prima mostra personale alla Galleria de Cristoforis.
Nel 1970 Gualerzi inizia un’intensa attività grafica che produrrà una serie consistente di raccolte in cui si precisa ulteriormente il carattere etico della sua arte, 
arricchito dagli interessi letterari che continueranno negli anni successivi con una ricca produzione di grafica su opere in versi.
Scrive nel 1973 Mario De Micheli:  “Gualerzi è un pittore di simboli oggettivi. Il simbolo cioè non è mai per lui un veicolo letterario della realtà. Al contrario: è la realtà 
contratta in se stessa, riassunta nel proprio spessore, è identità dell’idea con la evidenza fisica della rappresentazione”.
Nell’estate del 1975 l’artista si trasferisce nell’immediato entroterra ligure, a Uscio, in provincia di Genova. Scrive lo stesso Gualerzi: In Liguria " ho trovato lo spazio per riconoscermi e parlare - con parsimonia, ben inteso - ai miei simili. Qui ho ricevuto gentilezza e durezza, come gentile e dura può essere l'ardesia a seconda di come la prendi; qui mi sono inventato un altro lavoro grazie alla pietra che conoscevo in modo differente".   
La Liguria, con i suoi valori di lunga durata ha influito 
positivamente sulla personalità di Gualerzi, che abbandona quasi completamente l’olio su tela – in particolare dal 1979 - per dedicarsi a opere pubbliche, a pastelli su carta e lavori di grafica (cromolitografie, acqueforti, xilografie e  puntasecca), suscettibili di una più larga diffusione popolare, quest’ultimi pubblicati spesso con scritti 
introduttivi dello stesso artista. 
Fin dalla seconda metà degli anni Settanta inizia a realizzare sculture in terracotta, una tecnica da lui poi utilizzata in particolare nel 
decennio successivo, sviluppando soluzioni sia astratte sia figurative. Tra gli anni ’80 e gli anni ’90 si dedica anche alla scultura monumentale, tra cui le lastre di ardesia per la piscina comunale di Valenza Po (AL) e il bassorilievo per il Municipio di Tribogna (GE). Negli anni Novanta prosegue la sua solitaria ricerca artistica, fino al sopraggiungere della malattia e dell’inattività degli ultimi tre anni.

La pittura di Mirko Gualerzi origina dalla lezione del museo realista secentesco e da Daumier, Sironi, Permeke. Il rifiuto dell’aggiornamento neo-realista, chiuso in schemi ottocenteschi, ripiegato sul più moderno linguaggio realistico esistenziale, attardato sulla lettura accademica del realismo espressionista tedesco o inglese (Dix, Bacon), o, infine, sul malinteso pop-fotografico, lo porta a cercare dal ‘62 un ‘uscita linguistica su premesse differenti i cui caratteri costanti sono il rifiuto del modello come oggetto di contemplazione da un lato, e, dall’altro, della scarica di pulsioni profonde in manufatti di tipo astratto-lirico o informale. Assume invece la ricerca della “condizione” attraverso libere sintesi formali laddove si intende provocare l’attivazione dello spettatore quale portatore di coscienza individua le e sociale.
Ne deriva il sospetto per la costante linguistica canonizzata come “sviluppo” in sé, ed invece la piena accettazione di ogni possibile risposta-rischio, alle sollecitazioni emergenti dal quotidiano.
Atteso che il metodo per l’approccio col reale vive in misura più concreta del linguaggio astrattamente considerato, ne viene una figura d’artista antiformalista e, in sintesi, non facilmente sistemabile nella griglia che la prassi d’indagine critica oggi accredita.
I diversi strumenti che l’artista si fabbrica, e le «necessariamente differenti unità di misura che adotta per confrontarsi con un reale sottilmente mutante, sarebbero dunque risposte congrue pragmaticamente, se è vero - con la logica di James - che l’eterogeneità dell’esperienza e la forma pluralista della realtà sono irriducibili alla forma di un pensiero universale». (A. Corsini, 1981).
La grafica, nata nel ‘61, e ampliata negli anni ‘70 - ‘80, convalida l’ipotesi di lettura anche attraverso la scelta degli argomenti che l’autore sviluppa per una ricca produzione in atto.
La scultura nasce a metà degli anni ‘60 come feconda matrice archetipica e attraverso l’esperienza del reale nel tempo.
La manipolazione dei materiali, dalla terra da modellato alla cera da fusione, dalla pietra ai materiali plastici, aiuta l’autore nelle scelte per la concretezza che la dimensione plastica conferisce al rapporto espressivo. 

Tratto da: Dino Molinari, Mirko Gualerzi, introduzione di Franco Sborgi, Edizioni Start, Uscio-Genova 1992, pp. 60, ill. b/n e col


Mostre personali

-Galleria del Giorno, Milano 1963
-American School in Switzerland, Lugano-Montagnola 1964
-Galleria Caprotti, Monza 1964
-Galleria Verritré, Milano 1965
-Galleria Montrasio, Monza 1968
-Galleria Il Poliedro, Cremona 1970 
-Galleria Rupinaro, Chiavari 1970
-Libreria-Galleria Rinascita, Milano 1970
-Galleria Civica della Torre Viscontea, Lecco 1971
-Centroparete, Lissone (MI) 1971
-Circolo culturale l’isola, Milano 1972
-Galleria Ciovasso, Milano 1972 (Note a margine di Attica) ‘73, ‘77
-Galleria Arteverso, Genova 1973
-Galleria Schreiber, Brescia 1973 
-Galleria La Firma, Riva del Garda (TN) 1974
-Galleria 23, Cremona 1975
-Start/Uscio (GE), Gualerzi. Opere del periodo astratto, 1975
-Studio lnquadrature 33, Firenze 1977
-Galleria Proposta, Legnano (VA) 1978
-Valenza (AL), Centro Comunale di Cultura, Antologica, 1978
-Mirko Gualerzi. Terra del fiume, Alessandria, Galleria d'Arte Stringher, 22 maggio - 5 giugno 1982 >>
-Complesso d’abitazione Quartiere Arbusta, Turbigo 1982 (Posa fregio EST-Ticino) >>
-Piscina civica Cinta Ovest (Posa bassorilievo Storie d’acqua), Valenza 1986
-Sala Consiiare Tribogna (GE). Mostra studi palazzo comunale Una comunità in VFB, 1989
-EXPOFontanabuona, Calvari (GE), 1991 (Presentazione vol. Storie d’acqua. Antologica)
-Castello a Mare, Rapallo (GE), 1992 lnaugurazione Cinquecentenario colombiano. Antologica
-Centro “Buranello”, Genova 1992 (Antologica Storie d’acqua)
-Centro Diffusione Einaudi, Chiavari (GE) 1993. (n. 7 pers. di grafica su poesia)
-Centro d’arte di Villa Gropallo, Genova-Nervi 1994 (Presentazione mostra itinerante per n. 11 istituti italo-tedeschi di cultura. Patrocinio della Deutsche Schule di Genova)
-ltallenisches Kulturinstitut, Francoforte sul Meno, Amburgo, Stoccarda, Colonia, Wolfsburg, 1994
-Centro “Buranello”, Genova 1995 (Taccuino dimenticato)
-Galleria-Biblioteca civica di Quattro Castella (RE). Antologia Storie d’acqua, 1995
-Deutsch-ltalienische Gesellschaft, Dusseldorf, Kassel 1995
-Deutsch-italienische Freundschaftskreis, Berlino 1995 
-Verein ltalienisches Gesellschaft, Karlsruhe, Zentrum Fur Kulturforshung, Bonn 1995
-Biblioteca civica di Lavagna (GE), (Costruire la pace) 1996
-Circolo Culturale “Bertold Brecht”, Milano, Costruire la pace, 1996
-Centro civico e Biblioteca della Darsena, Castano I. (Costruire la pace) 1996
-Arte Club Il Doge, Genova (40 fogli per 40 anni) 1997
-Centro d’arte di Villa Gropailo, Genova (venticinquennale di Note a margine di Attica), 1998
-Centro d’arte di Villa Gropallo, Genova; Ombrerosse 69 (trentennale scoppio di Piazza Fontana)
-Centro franco italiano “Galliera” Palazzetto Rosso, Genova, (Vaucluse) 1998
-Galleria Civica d’Arte Moderna, Gallarate (VA), (Come cere perdute) 1998
-Galleria Cristina Busi, Chiavari 1998 (1968 e dintorni)
-Centro espositivo Ecomuseo dell’Ardesia, Monleone di Cicagna (GE) 1999: esposizione dei 24 studi preparatori per il bassorilievo della balconata del Palazzo Comunale Tribogna)  

Mostre collettive e rassegne

-Primavera degli artisti, premio internazionale, Albisola Marina (SV) 1960, ‘61, ‘63.
-Quaderno di Hiroshima, Milano, Circolo Sassetti, 1965
-Cento pittori per il socialismo, Parco Ruffini, Torino 1971 
-L’Immagine dell’uomo, Galleria Polymnia, Rapallo; Galleria Ciovasso, Milano; Palazzo Pretorio, Prato; Chianciano Terme, 1971
-Contro la repressione, Cusano M., 1972
-Il disegno nella satira politica, Libreria Rinascita; Circolo Culturale l’isola, Milano 1972
-Proposta grafica 1973, l’Arcicoda, S. Giovanni Valdarno (AR) 1973 
-Proposte di grafica popolare, Galleria La Soffitta, Colonnata, Firenze 1973 
-Tre liguri e un lombardo, Centroparete, Lissone (Ml) 1973 
-Pittura civile, Parco Sempione, Milano 1973 
-Tecnica e stampa d’arte, Galleria civica d’arte, Monza (Mi); Circolo culturale “il Mulino”, Milano 1973  
-Grafica e tempere, Castano (Ml); Oleggio (NO) 1973
-Proposta dell’Arcicoda, Colonnata (FI) 1973
-Cile come la Comune, Parigi (Bourse du Travail); Milano (Circolo De Amicis); Firenze (Palazzo Medici-Ricciardi); Faenza (Palazzo delle Esposizioni) 1973
-Grafica scomoda, Lissone (MI) 1973 (Centroparete)
-L’immagine in rivolta, S. Giovanni Valdarno (AR) 1973 (Casa della Musica)
-Un’immagine per tre testamenti, Milano 1973 (Facoltà di Architettura)
-XXVI e XXVIII Premio Nazionale Suzzara, (I° Premio), Suzzara (Civica GalIeria D’arte Moderna), 1973; 1976 >>
-Resistenza ieri e oggi, Trezzano sul Naviglio (MI) 1974 
-Mostra della Resistenza, Associazione artisti bresciani, Brescia 1974 
-Disegni politici di artisti italiani, Circolo Turati, Cremona 1974
-Ruolo dell’artista nella società odierna, mostra/dibattito, Biblioteca comunale di Turbigo (Ml) 1974
-Creatività individuale e creatività sociale, mostra/ dibattito, Biblioteca civica di Somma Lombardo (VA) 1974 
-Cultura e industria culturale, mostra/dibattito, Biblioteca comunale di Tavazzano (MI) 1974 
-Tecnica e stampa d’arte, Monza 1974 (Galleria Civica)
-Rassegna della giovane immagine critica, Milano 1974 (Circolo dell’isola)
-Arte, Natura, Società, Saronno (VA) 1974 (Biblioteca Civica)
-Arte e impegno civile, Cremona 1974 (Comune, Sala degli Alabardieri)
-Presentazione studi murali sugli “omicidi bianchi”, Taranto 1974 (Italsider)
-L’uomo, la Città, Saronno (VA) 1974 (Ex-Fabbrica Poss)
-Disegno politico e satirico, Forte dei Marmi 1974 (Galleria d’arte moderna)
-VI e VII Biennale Nazionale Castelnuovo Magra, (SP) 1974-76 (Premio)
-Arte e lavoro, proposta di grafica popolare, Circolo aziendale S.A.C.F.E.M., Chiani (AR) 1975
-Resistenza e antifascismo, rassegna nazionale di pittura, Galleria civica della Rocca, Riva del Garda (TN) 1975 
-Pittori per la Spagna libera, Milano, Palazzo del Turismo 1975 
-Quattro pittori della figura critica, Parma 1975 (Galleria Correggio)
-Arte per la medicina sociale, Milano 1975 (Museo della Scienza e della Tecnica)
-Trenta primavere di libertà, Tavazzano (MI) 1975 (Mostra di artisti e bambini)
-Un’immagine oggi, Piandiscò (AR) 1975 (Casa del popolo)
-Il segno dell’Uomo, Jesolo Lido (VE) 1975 (Scuole G. Carducci)
-Trent’anni dopo, Trezzano sul Naviglio (Ml) 1975 (Palestra comunale); Piombino (LI) 1975 (Circolo Acciaierie)
-IX Rassegna Città di Varazze, Varazze (SV) 1975 (Villa Cilea)
-III Triennale dell’incisione (Germania - Inghilterra - Italia) Milano 1975 (Permanente)
-Pittori per la Spagna, Trieste, 1975 (Palazzo Costanzi) 
-XXV Rassegna Sassoferrato, Sassoferrato (AN), Palazzo Oliva 1975 
-Artisti della Liguria per il tribunale Russel Il, Genova, Palazzo Ducale 1976 
-Immagine riprodotta, rassegna di grafica, Sala comunale di Marina di Grosseto 1976
-Rassegna itinerante di grafica civile e politica, Milano, Società umanitaria 1976 
-XXVI Rassegna Sassoferrato, Piccola Europa, Sassoferrato (AN), Palazzo Oliva 1976 
-Disegno e piccola scultura, rassegna nazionale, Milano, Permanente 1976 
XXVIII Premio Suzzara 1976
-VI Biennale di Castelnuovo Magra (SP), Oratorio dei Rossi 1976 
-Contro il Fascismo, disegni per una mostra nazionale itinerante, Milano 1976
-Grafica critica internazionale, Camaiore (LU) 1976 
-In funzione dell’uomo, Roncadelle, Palazzo Comunale (BS) 1977 
-XXIII Biennale internazionale del Fiorino, Immagini del quotidiano 1972-1977, Firenze, Palazzo Strozzi 1977
-Le dimensioni del reale, Ovada (AL) 1977 (Loggia di S. Sebastiano)
-Hommage à Nazim, Berlino 1977 (Haus am Marienplatz ed Accademia artisti turchi)
-Collezione De Micheli, Lissone (MI) 1977 (Galleria Radice)
-Premio nazionale Città di Gallarate, (VA) 1977, invitato
-Rassegna L’artista e la realtà, articolata in 10 personali, Cesano Boscone (MI), Biblioteca comunale popolare 1977
-Laboratorio COAV, Ferrara 1978 (Centro attività visive/Palazzo dei Diamanti)
-Artefiera, Bologna 1978 (Stand COAV)
-Rassegna La pittura degli anni ‘60, Premio nazionale Gallarate (VA) 1978
-Collettiva di grafica al circolo culturale “Il quadrante", Milano 1978
-Omaggio a Rocco Gatto, rassegna, Galleria Ciovasso e Festival Provinciale dell’Unità, Milano, Parco Sempione, 1978
-Mostra internazionale d’arte grafica contemporanea, S. Giovanni in Persiceto (BO) 1979
-Le tecniche dell’incisione, Chiavari 1980 (Palazzo Torriglia)
-Arte e mondo contadino, Torino 1980 (Palazzo Madama); Matera ‘80 (Museo Ridola)
-Leonardo/Mostra di 50 d’après, Aosta 1980 (Castello Sarriod de la Tour)
-Work area-Indagine, Bergamo 1980 (Centro Arte e design)
-Da Corrente ad oggi, Trezzano S.N. (Ml) 1980 (Palestra comunale)
-Kunstler Helfen Amnesty International Auction, Berna 1980 (Kunstmuseum)
-Primavera di Goran, Zagabria 1981 (Museo della Rivoluzione)
-S.P.O.R.T/Sia palese ogni riferimento tacito, Valenza (AL) ‘83 (Sale mostre Piscina civica)
-La figura disegnata, Sestri Levante (GE) 1983 (Calafieschi)
-Pittura & Scultura, Robecchetto (Ml) 1984 (Pal. Arese) lnauguraz. nuovo comune)
-Le immagini dello sport, Vercelli 1984 (Palazzo Verga)
-Occhio meccanico/fantastico, Rescaldina (Ml) 1984 Olgiate (CO) 1985 (Villa Camilla)
-Viaggio nel corpo, Milano 1986 (Palazzo Bagatti - Valsecchi e Mostra internazionale di illustrazione medico-scientifica) (Galleria Agrifoglio)
-Lavagna, culla dell’Ardesia; Lavagna 1989 (Sale Azienda aut. di soggiorno)
-I Rapporto grafico AlL (Associazione Incisori Liguri) Genova 1989 (Palazzo Cattaneo-Mallone)
-Ardesia in Fontanabuona, I° e Il° censimento Calvari 1990 e ‘92 (EXPOlevante)
-Arte sui muri, Galleria di sculture all’aperto, Genova-Pegli 1992
-Piccole incisioni, AlL Genova 1993 (Fondazione Sabatelli)
-Carte segrete, GE-Sampierdarena 1994 (Centro civico Buranello)
-La Natura e la Visione, Chiavari 1995 (Palazzo Rocca)
-Là dove scorre la fiumana bella, film, Chiavari 1996 (Società Economica)
-110 Festival di Poesia, Teatro, Musica, S. Salvatore dei Fieschi, Genova 1998, rassegna di pittura e scultura 3+1, Chiesa barocca di S. Salvatore
-Andajaleo, centenario della nascita di F.G. Lorca, Lavagna 1998, mostra intermediale di musica, voce, poesia e grafica (Biblioteca civica)
-3x3, mostra intermediale di musica, voce, poesia e grafica (Centro franco italiano “Galliera”), Genova, Palazzetto Rosso, 1999 
-Trois/Fois/Trois, Lavagna, Galleria San Bernardo, 2000 
-Mostra Associazione Incisori Liguri, Santo Stefano al Mare (IM), Genova, 2003.

Mostre 2005-2012

-Mostra Associazione Incisori Liguri, Diano Marina, Genova, Sanremo, La Spezia, Albisola, 2005  
-Antologica, "Artclub Il Doge", Genova, 2008
-Associazione Incisori Liguri, Francavilla Mare, 2008; 
Esposizione disegni per Le Storie d'Acqua, Genova, Studio Ghiglione, 2009 >>, Rapallo, Centro per la Cultura "Villa Queirolo" 
-I nostri Maestri in mostra. L'arte per la Est Ticino, Legnano, Palazzo Leone da Perego, 24 aprile-2 maggio 2010 >> 
-Passione civile, arte e politica. Artisti a Valenza tra gli anni Cinquanta e Ottanta
, a cura di Lia Lenti, Alessandria, Palazzo del Monferrato, 2011 >> 
-Mirko Gualerzi. Poesia Incisa, a cura dell'Associazione "Mosaico", Chiavari, centro espositivo di via Costaguta, 2012 >>   

 


Opere


La Fondazione Franzoni Onlus di Genova (>>), in collaborazione con la Biblioteca Franzoniana, realizza, a cura del dott. Andrea Lavaggi (>>), l'Archivio Generale delle Opere di Mirko Gualerzi (per accedervi cliccare sui link in basso), che include al momento le opere conosciute (divise per tipologie: dipinti; disegni a tempera; disegni e acquerelli; disegni per "Storie d'Acqua"; sculture; stampe; varie) conservate presso collezioni private e le opere comprese nei cataloghi delle case d'asta di ambito nazionale dall'anno 2000 ad oggi. Per quanto riguarda le opere dell'artista presentate nelle mostre personali e collettive, si fa riferimento agli estremi indicati alle rispettive voci e, quando presenti, ai documenti di riferimento allegati.    

Opere di Mirko Gualerzi sono inoltre conservate presso collezioni di musei e di istituzioni nazionali e internazionali, tra cui: Berna (Kunstmuseum); Calvari (Expolevante); Castano I (Municipio); Castelnuovo M. (Raccolta della Biennale); Forte dei Marmi (Galleria d’Arte Moderna); Gallarate (Galleria d’arte moderna); Genova, Raccolta Centre Culturel Franco-italien “Galliera”; Genova Pegli (Galleria permanente all’aperto di via Vincenzo Monti); Isle-sur-Sorgue, Museo biblioteca “Campredon”, collezione Réné Char; Istituti italotedeschi di cultura: Francoforte, Monaco, Amburgo, Stoccarda, Colonia, Wolfsburg, Karlsruhe, Bonn, Dusseldorf, Kassel, Berlino; Lecco (Collezione civica); Milano (Circolo Sassetti); Prato (Museo d’Arte Contemporanea);  Quattrocastella (Raccolta della Biblioteca comunale); Saronno (Collezione civica); Sassoferrato (Galleria del premio); Suzzara (Museo del Premio); Taranto (Circolo Culturale Gramsci); Tribogna (Collezione civica, 24 disegni per il bassorilievo della balconata del Palazzo comunale); Valenza Po (Centro comunale di cultura); Zagabria (Museo della Rivoluzione).  

L'artista si è inoltre occupato di arte monumentale, lasciando testimonianze in particolare nel nord Italia, tra cui: 
-Tribogna (GE), balconata del fronte del Palazzo Comunale, bassorilievo in ardesia composto da 24 pannelli, i cui studi preparatori sono stati acquistati dal Comune di Tribogna ed esposti nel 1999 presso il Centro Espositivo dell'Ecomuseo dell'Ardesia a Chiapparino di Cicagna; per i dettagli dei disegni si veda l'Archivio Generale. Disegni e acquerelli, dal n. AGMG00DS646 
al n. AGMG00DS669.   
-Turbigo (MI), bassorilievi per la Est Ticino-Quartiere Arbusta >>
-Valenza Po (AL), piscina comunale, cinta ovest, fregio decorativo raffigurante "Storie d'Acqua", un bassorilievo in ardesia, ricavato a "stiacciato", composto da 210 lastre per una lunghezza complessiva di 108 metri; per il catalogo generale dei disegni preparatori del fregio si veda il link dedicato alla voce Archivio Generale. Disegni per "Storie d'Acqua". Il volume di F. Castelli Le Storie d'Acqua di Mirko Gualerzi (vedi bibliografia) riporta anche le immagini dei cartoni esecutivi di ciascuna lastra.


Bibliografia

-Manuel Zuasti, Appunti per lo studio di un pittore italiano, catalogo della mostra (Galleria Civica della Torre Viscontea, Lecco 1971), 1971, s.p. 
-Gualerzi. Note a margine di Attica, catalogo della mostra (1-14 aprile 1972), Galleria Ciovasso, Milano, 1972
-Gualerzi, opere del periodo astratto, Uscio, Start, 1975
-Mirko Gualerzi, "i feeri dol pelandron", catalogo della mostra (15 gennaio-3 febbraio 1977), Galleria Ciovasso, Milano, 1977
-Gualerzi, catalogo della mostra (Valenza, 8 novembre - 3 dicembre 1978), a cura del Centro Comunale di Cultura, Valenza, s.d., pp. 26, ill. b/n     
-Mirko Gualerzi. Terra del fiume, catalogo della mostra (Alessandria, Galleria d'Arte Stringher, 22 maggio - 5 giugno 1982), Edizioni Start, pp. 14, ill. b/n
-Franco Castelli, Le Storie d'Acqua di Mirko Gualerzi, note critiche di Dino Molinari,
Edizioni Start, Uscio-Genova 1991, pp. 236, ill. b/n
-Dino Molinari, Mirko Gualerzi, introduzione di Franco Sborgi, Edizioni Start, Uscio-Genova 1992, pp. 60, ill. b/n e col.
-Mirko Gualerzi, Prova d'autore 1993, Associazione Incisori Liguri, Genova, Scuola Tipografica Sorriso Francescano, 1994, pp, 24, ill. b/n
-Mirko Gualerzi, Ardesia in Fontanabuona, Genova, Scuola Tipografica Sorriso Francescano, 1994, pp, 16, ill. b/n 
-Mirko Gualerzi, Ombrerosse 69. Venti acquerelli per Piazza Fontana, Edizioni Start, Uscio 1999, pp. 16,  ill. a col.
-Mirko Gualerzi, Alfabeto 78, Edizioni Start, Uscio 2000, pp. 60, ill. a col.
-I nostri Maestri in mostra. L'arte per la Est Ticino, catalogo della mostra (Legnano, Palazzo Leone da Perego, 24 aprile-2 maggio 2010), Castano Primo (MI), 2010, pp. 56, ill. a col.  
-Andrea Lavaggi,  Mirko Gualerzi pittore, disegnatore, scultore, incisore. L'Archivio generale delle sue opere, in Studia Ligustica. Collana di studi on line per l'approfondimento delle tematiche interdisciplinari riguardanti la storia, le arti e la bibliografia della Liguria, n.8, Genova, Biblioteca Franzoniana, 2015 <
www.studialigustica.it>

Recensioni e contributi critici - anni '60 e '70

-F. Ballero, Al Fiorino la filosofia del quotidiano, Gazzetta del Lunedi, 20 giugno 1977;
-F. Battolini, Catalogo V e VI biennale di Castelnuovo Magra (SP);
-M. Bergonzoni, Catalogo Tecnica e stampe d’arte, Galleria civica di Monza, febbraio 1974;
-G. Beringheli, I simboli di Gualerzi, "Il Lavoro", 1 maggio 1973; catalogo rassegna Impegno figurale e figura concettuale, Villa Cilea, Varazze, Giugno 1975;
-R. B. Bertarelli, "Il Cittadino", 14 ottobre 1965;
-P. G. BettiIncontro di massa con la giovane pittura italiana, "l’Unità", 19 settembre 1971;
-V. BramantiSatira e politica nei disegni a Forte dei Marmi, "l’Unità", 17 agosto 1974; Una mappa dell’arte nuova, "l’Unità", 8 maggio 1976;
-D. CaraStruttura grafica e segni, Ed. Laboratorio delle arti, Milano, 1975, pp. 367 e 475;
-L. Carluccio, Rassegna internazionale del disegno politico e satirico, "Panorama", 12 settembre 1974;
-G. CavazziniQuattro pittori della figura critica, "La Gazzetta di Parma", 29 dicembre 1974;
-M. Corradini, schede del catalogo XXVI Premio Suzzara, 1973;
-C. Degl’Innocenti , A Fortebraccio premio per la satira politica, "L’Unità", 22 settembre 1974;
-E. DelfinoMirko Gualerzi, "Avanti!", 21 novembre 1973;
-M. Dell’Acqua, Forme e colori per le nostre inquietudini e speranze, "La Gazzetta di Mantova", 5 ottobre 1975;
-R. De Martino, Mirko Gualerzi, "La Nazione", 28 dicembre 1977;
-M. De Micheli, mensile "Il Calendario del Popolo", speciale, settembre 1971; cataloghi personali gallerie: Arteverso, Genova, aprile; Schreiber, Brescia, maggio; Ciovasso, Milano, ottobre 1973; introduzione alla rassegna grafica Una immagine per tre testamenti, facoltà di Architettura, Milano, maggio 1973; introduzione alle rassegne XXVI e XXVIII Suzzara, settembre 1973 e 1976; catalogo La giovane pittura italiana di ispirazione politica e sociale, Festival nazionale dell’Unità, Parco Sempione, Milano, settembre 1973; catalogo mostra itinerante Cile come la Comune, Parigi, Milano, Livorno, Firenze, Faenza; catalogo Arte,natura,società, Palazzo pretorio, Saronno, marzo 74; introduzione al volume Disegno politico e satirico. Rassegna internazionale, Galleria civica d’arte moderna, Forte dei Marmi, settembre 1974; presentazione della raccolta di grafica Il patrimonio segreto, edizione del Cornabò, Lissone 1974; catalogo rassegna L’Uomo,la Città, bimestrale "Artecontro", n. 4, 1974; catalogo Pittori per la Spagna libera, Palazzo del Turismo, Milano, aprile 1975; presentazione della raccolta di grafica Il segno inciso, Milano, 1975; voIume Contro il fascismo. 50 anni di immagine satiricopolitica nel mondo, Fabbri editore, Milano, 1976; catalogo rassegna Il segno dell’uomo, Comune di Jesolo e "Artecontro” n. 2, 1975; Lo humour grafico di Mirko Gualerzi, un esempio di embiematismo oggettivo, "Artecontro" n. 3, 1976; edizione del poemetto realistico La fossa, di Ivan Goran Kovacic, Zagabria, settembre 1978.
-F. De Santi, catalogo rassegna In funzione dell’uomo, comune di Roncadelle (BS), aprile 1977;
-G. De Santis, Gualerzi, pittore europeo,"Il Giornale di Lecco", gennaio 1971;
-V. Faggi, catalogo collettiva alla Villa comunale Rusconi, Castano (Ml), ottobre 72; catalogo mostra Tre liguri e un lombardo, Centroparete, Lissone (MI), marzo 1973; catalogo personali gallerie Il Sagittario, Galiarate e Polymnia, Rapallo, aprile e giugno 1973; presentazione raccolta di grafica La pecora nel bosco, Muggiò (MI), 1973;
-F. Farina, Introduzione alla mostra della Cooperativa operatori arti visive, Centro attività visive, Palazzo dei Diamanti, Ferrara, “Il Laboratorio”, mensile, anno II, n. 10, aprile 1978;
-P. FarinatiDi arte e politica e altre cose, mensile "N.A.C.", novembre 1973;
-A. Ferrucci, I grandi del disegno politico e satirico, settimanale "Amica", 13 ottobre 1973;
-E. Fezzi, "La provincia di Cremona", 2 dicembre 1970; Gualerzi alla 23, 18 maggio 1975; catalogo rassegna La pittura degli anni 60, premio nazionale Gallarate, marzo 1978;
-A. Finocchi, Copertina per il bimestrale "Artelavoro", novembre 1973; presentazione della mostra I feeri dol pelandron, catalogo personale Galleria Ciovasse, Milano, dicembre 1976;
-L. Fontana, catalogo III Premio internazionale A.l.G., Albisola (SV), 1963;
-C. Fumagalli, Sanguinolento zimbello l’uomo di Mirko Gualerzi, "Il Cittadino", 14 novembre 68;
-I. Ghisolfi, Gualerzi, "La Vita Cattolica", 29 novembre 1970; 
-L. Grande, Mirko Gualerzi, mensile "Il Narciso", dicembre 1970;
-M. Lepore, "Corriere d’informazione", febbraio 1965;
-C. Marsan, Da Rosai al disegno satirico, "La Nazione", 6 settembre 1974;
-G. Marussi, catalogo III Premio internazionale A.l.G., Albisola (SV);
-F. Migliaccio, I fogli di diario di Mirko Gualerzi, catalogo personale alla Biblioteca comunale di Cesano Boscone (Ml) 1977;
-M. Monteverdi, Mirko Gualerzi, scheda del catalogo Monteverdi, ed. Seletecnica, Milano 1973;
-F. MoreIlo, catalogo personale Studio Inquadrature 33, Firenze, novembre 1977;
-D. Morosini, catalogo XXVI Premio Suzzara, 1973;
-M. T. Orengo, La crisi dell’uomo in Grande e Gualerzi, trimestrale "Resine", Quaderni Liguri di Cultura, gennaio-marzo 1978;
-S. Paglieri, "Il secolo XIX", 28 aprile 1973; Il Premio Varazze, 5 luglio 1975;
-T. Paloscia, Il volto del Fiorino 77, "La Nazione", 11 giugno 1977;
-G. Pozzi, Natura lucreziana, natura lirica e natura matematica, "Paese Sera", 6 dicembre 1977; 
-E. Ripamonti, Vitalismo di Gualerzi, settimanale "Il Resegone", Lecco, gennaio 1971;
-G. Rivarola, Gualerzi a Chiavari, "Il Lavoro", 4 novembre 1970;
-F. Rossi, settimanale "L’Eco", ottobre 1965; bimestrale "La Città di Monza", novembre-dicembre 1965;
-E. C. Salvi, Gualerzi, "lI Giornale di Brescia", 26 maggio 1973 e 19 aprile 1974;
-L. Serravalli, Gualerzi, "L’Adige", 15 ottobre 1974;
-G. Seveso, catalogo galleria-libreria Rinascita, Milano, novembre 1970; catalogo L’immagine dell’uomo, Galleria Polymnia, Rapallo, febbraio 1971; galleria Ciovasso, Milano, marzo 1971; Palazzo Pretorio, Prato, giugno 1971; Gli artisti e gli scioperi del 43, "L’Unità", 24 maggio 1973; NeI cuore del Cile, "L’Unità", 20 gennaio 1974; L’arte che nasce dalla città, "L’Unità", 2 novembre 1974; catalogo rassegna Trenta anni dopo, palestra di Trezzano sul Naviglio (MI), aprile 1975; catalogo rassegna Resistenza e antifascismo, Rocca di Riva del Garda (TN), maggio 1975; catalogo rassegna itinerante Grafica politica, Società Umanitaria, Milano, maggio-dicembre 1976; catalogo collettiva Galleria Rubens, Gradisca (GO); Tecnologia e natura a Suzzara, "L’Unità", 25 settembre 1976; Sei pittori dell’immagine, "L’Unità", 18 ottobre 1977;
-R. Tassi, catalogo Terza Triennale internazionale della Incisione, Palazzo della Permanente, Milano, 1975;
-S. Trojani, cataloghi XXV e XXVI rassegna Sassoferrato (AN), 1975 e 1976;
-M. Valsecchi, catalogo "Premio A.l.G." Albisola (SV) 1963 e "Tempo", ottobre 1963;
-P. M. Vieusseux, "Il Corriere Mercantile", 4 maggio 1973;
-F. Vincitorio, mensile "N.A.C.", ottobre 1971; ottobre 1973; giugno e luglio 1973; novembre 1974; settimanale "L’Espresso", dicembre 1977; maggio 1978;
-M. Zuasti, Appunti per lo studio di un pittore italiano, in catalogo- manifesto presso le gallerie Rupinaro, Chiavari, novembre 1970; Civica, Saronno, febbraio 1971; Museo di Lecco, gennaio 1971; galleria-libreria Rinascita, novembre 1970. 

Documenti allegati
Links
- P.IVA 95072340102 - Policy Privacy